Intervento di Rinopalstica
– chirurgia estetica del naso

La rinoplastica si riferisce alla modifica della morfologia del naso ai fini del miglioramento estetico. Questa è definita rinoplastica estetica.

La rinoplastica può anche essere funzionale, finalizzata a correggere un disagio che non è estetico come difficoltà a respirare o russare. Questa è chiamata settoplastica (chirurgia del setto nasale per correggere un setto deviato).

L’estetica e l’intervento funzionale possono essere associati durante la stessa operazione e in questo caso si parla di rinosettoplastica. Questo è il tipico caso di trauma sequele della piramide nasale con frattura delle proprie ossa del naso dove il naso viene deviato causando disagio e il setto nasale è attorcigliato, causando una deviazione del setto e un disagio funzionale alla respirazione.

Hai deciso di fare un intervento di Chirurgia Estetica di Rinopalstica?

I nostri tutor esperti nel settore sono a tua disposizione per una prima CONSULENZA GRATUITA telefonica. Il primo obiettivo è conoscerti e farci conoscere. Compila il form qui a fianco o contattaci senza impegno. Scopri anche il pacchetto della nostra clinica “Vacanza e Benessere” clicca qui.

Blefaroplastica consulenza

Quando è necessaria la rinoplastica?

I difetti sul naso possono essere:
– Congeniti (presente da adolescente come un urto, un punto troppo largo o una deviazione)
– Malformazioni (sindromi malformative nei bambini come i becchi di lepre o leporoproteine)
– Traumatici (secondario a uno shock, a una frattura, che porta più spesso a una deviazione che prima non esisteva)
– Associati all’invecchiamento (caduta della punta e aspetto di una gobba allentando la pelle e la cartilagine)

A che età possiamo svolgere un intervento chirurgico?

La crescita del naso termina alla fine della pubertà a 16 anni in media. Non è quindi necessario operare prima, eccetto per i rari casi di malformazioni congenite.

Se la deformità del naso è maggiore, una prima rinoplastica può aiutare l’adolescente a superare un complesso e costruire e prosperare.
In tutti i casi l’autorizzazione dei genitori è essenziale per la chirurgia estetica in un minore.

Non esiste un limite di età per la rinoplastica. Nella maggior parte dei casi, l’intervento viene effettuato tra 18 anni e 35 anni o oltre 60 anni. La maggior parte dei pazienti tra i 18 e i 35 anni desidera correggere i seguenti difetti: punta troppo larga, punta inclinata, naso deviato, protuberanza.

Dopo 60 anni, i pazienti sono alla ricerca di un effetto di ringiovanimento con correzione della caduta della punta, della lunghezza del naso e dell’urto. In tutti i casi si tratta di un intervento chirurgico delicato ed attento ed è consigliabile un consulto con i nostri chirurghi plastici esperti.

Quali sono i diversi tipi di rinoplastica?

Esistono 6 tipi di rinoplastica:

Rinoplastica per malformazioni congenite

Questi includono gli effetti emangiomi e altre malformazioni vascolari, labioschisi, sindrome Raccoglitore, ipoplasia nasale, schisi facciali, cisti e fistole del dorso del naso. Le anomalie della forma del naso sono molto diverse e spesso serie. Sono presenti dalla nascita o nella prima infanzia e spesso richiedono diversi interventi di chirurgia ricostruttiva che combinano tecniche di innesto della cartilagine, innesti ossei, lembi.

Rinoplastica post-traumatica

Il trauma si è verificato a livello della piramide nasale. Uno scheletro fratturato osseo (ossa proprie del naso, mascella rami, vomere) o scheletro cartilagineo (setto) si sono verificati con uno spostamento della normale anatomia del naso.

Ci può essere una deviazione del setto nasale, che ostacolano la cavità nasale e quindi causare difficoltà nella respirazione (ostruzione nasale) estendentesi a russare e una deflessione dell’intera piramide nasale che è inclinata verso destra o a sinistra (naso del pugile). L’intervento di Rinoplastica mira a sistemare il naso contorto ed è spesso associata con settoplastica (chirurgia del setto nasale) per mettere in una buona posizione il setto e ridurre il disagio respirazione.

Rinoplastica etnica

È interessante per i pazienti asiatici, mediorientali o con pelle nera.
I pazienti di pelle scura di solito vogliono correggere l’ampiezza eccessiva del naso, la mancanza di proiezione (naso piatto) e la larghezza delle narici (le ali del naso). Le tecniche di rinoplastica etnica per i pazienti di origine africana comportano quasi sempre innesti di aumento della cartilagine o delle ossa.
I pazienti asiatici più spesso vogliono correggere la punta del loro naso che non è abbastanza marcata e abbastanza proiettata e il dorso (parte posteriore del naso) che è troppo largo e non sufficientemente proiettato.
Le tecniche di rinoplastica del naso asiatico utilizzano le tecniche di aumento della cartilagine più spesso.
Infine, i pazienti provenienti dal Medio Oriente hanno un naso ampio e deviato, con un’ampia gobba e un naso inclinato mal definito. La correzione utilizza tecniche convenzionali di riduzione della rinoplastica con osteotomie.

Rinoplastica di ringiovanimento

Passati i 60 anni, i tessuti del naso tendono a rilassarsi (pelle, muscoli, legamenti, cartilagine) e il naso tende a scendere (fronte di discesa) sotto l’effetto dell’invecchiamento . La correzione utilizza metodi classici di rinoplastica. Il cambiamento non deve essere troppo radicale o l’immagine del viso del paziente cambierà.

Rinoplastica estetica

Rappresenta la stragrande maggioranza delle rinoplastiche in chirurgia estetica. I pazienti sono spesso di età compresa tra 18 e 35 e sono spesso seguiti da vari complessi per il loro naso. I difetti sono diventati visibili alla fine della pubertà e rapidamente sono diventati invasivi. Le richieste più frequenti riguardano: un naso troppo marcato, un naso deviato, una punta troppo larga, una punta pendente, un naso troppo lungo.

Rinoplastica secondaria o rinoplastiche “fallite”

Il 15-20% delle richieste di rinoplastica che riceviamo riguardano il naso già operato da un altro chirurgo ma considerato dal paziente come un fallimento.

I fallimenti della rinoplastica sono molto invalidanti per i pazienti e possono influenzare significativamente la vita sociale. La rinoplastica è un intervento chirurgico molto fine e accurato che richiede un certo know-how.

L’errore può essere una mancanza di comunicazione tra il chirurgo ed il paziente (il chirurgo non capisce ciò che il paziente voleva), aspettativa surrealista di un paziente al risultato atteso, correzione eccessiva o insufficiente di strutture anatomiche o un problema di retrazione del tessuto, fibrosi, sollevamento della pelle e cicatrici dopo la procedura.

La correzione di un “naso fallito” (rinoplastica secondaria) è spesso difficile e utilizza tecniche di ricostruzione con innesti cartilaginei più spessi.  In tutti i casi è opportuno attendere 1 anno dopo la rinoplastica primaria per prendere in considerazione una correzione in buone condizioni.

Tra i principali difetti osservati ci sono:

  • Il becco di corbin.
    Il naso assume la forma di una palla profilata sulla punta. È o cartilagineo (mancanza di resezione del setto) o cutanea (eccesso di resezione del setto con pelle spessa o eccessiva). La corbin cartilaginee viene trattata mediante resezione del setto e della corbin cutanea mediante trapianto di cartilagine a livello del setto).
  • Il V. invertito.
    Il naso assume un aspetto a V rovesciato dalla parte anteriore della sua parte centrale. Ciò è dovuto al disinserimento delle cartilagini triangolari. Il trattamento consiste nel reinserire queste cartilagini e talvolta nella realizzazione della cartilagine dell’innesto.
  • Di profilo, il naso sembra non avere più il dorso.
    Collegato a un eccesso di resezione, il trattamento passa attraverso gli innesti.
  • Deformazioni della punta.
    Dall’asimmetria al cavo attraverso la rotazione. Relativo alla cartilagine alare (eccesso di resezione, interruzione, disinserimento, fenomeni di retrazione e fibrosi più spesso imprevedibile). Le tecniche di correzione sono molteplici.
  • Difetti localizzati e discreti.
    Vuoto, gobba, ruvidità sotto la pelle, lieve asimmetria. Questi difetti sono facilmente correggibili con i nostri esperti chirurghi.
CONTATTACI SENZA IMPEGNO

Compila il form sottostante per richiedere informazioni o per essere ricontattato da un nostro Tutor.

- Ho letto la privacy policy e acconsento al trattamento dei dati

Intervento chirurgico di Rinoplastica in pratica

Due consultazioni sono obbligatorie con il nostro chirurgo estetico.

Alla prima consultazione, riceverete un foglio informativo insieme a un modulo di consenso e un preventivo per la rinoplastica. Il tempo minimo tra la prima consultazione e la rinoplastica estetica è di 15 giorni (periodo di riflessione).

Il chirurgo dopo averti esaminato e sentito le tue richieste spiegherà cosa puoi aspettarti dall’intervento, a livello estetico, funzionale o psicologico. Ti darà la sua opinione sulla tua rinoplastica, sapendo che il ruolo del tuo chirurgo estetico è anche di sconsigliare l’esecuzione della procedura se crede che non ne trarrai beneficio.

Le fotografie mediche sono sistematicamente fatte e una simulazione del risultato può essere fatta su fotografie o su computer. Una valutazione preoperatoria è prescritta per i possibili problemi di salute e una consultazione con un anestesista ha luogo almeno 48 ore prima della rinoplastica.

Altre domande sull’intervento di rinoplastica:

Qual è la durata della degenza in clinica?

Di solito sei ricoverato al mattino e puoi uscire la sera stessa.

Quale anestesia?

Di regola è svolto durante anestesia spinale con sedazione assistita.

Quanto dura una rinoplastica?

A seconda delle azioni da eseguire (osteotomie, innesti di cartilagine, settoplastica …) tra 45 minuti e 3 ore.

È dolorosa la rinoplastica?

I dolori di una rinoplastica sono generalmente molto moderati e durano dalle 24h alle 48h. Sono ben tranquillizzati dai soliti analgesici. Il disagio che descrivono pazienti è dovuto principalmente alle serrature che vengono inseriti nelle narici le prime 24 ore dopo l’intervento chirurgico per evitare il sanguinamento e il fatto che le narici sono bloccati primi giorni (necessità di respirare con la bocca) . L’uso degli occhiali è possibile ma il campo visivo è leggermente ostruito dalle bende.

Ci sono cicatrici nella rinoplastica?

In tutti i casi le cicatrici all’interno del naso sono essenziali. Si trovano nelle narici sia alla giunzione delle cartilagini alari e o a livello del cartilagini alari e lungo il setto dietro la columella.

Il naso viene poi operato dall’interno, questo è chiamato il modo chiuso di rinoplastica. Le cicatrici sono assolutamente invisibili perché si trovano all’interno del naso. I fili sono riassorbibili in tutti i casi.

Nei casi più complessi (rinoplastica secondaria, innesti cartilagine …) è necessario aggiungere una cicatrice alla columella (pelle tra le due narici sotto la punta) per sollevare l’intera pelle del naso per lavorare sullo scheletro ossuto e cartilagineo.  Questo è chiamato il percorso aperto della rinoplastica. La cicatrice è invisibile perché si trova in una zona d’ombra. I fili molto sottili vengono quindi utilizzati per non segnare la pelle e vengono rimossi intorno al 5 ° giorno.

Nei casi di rinoplastica etnica con ridotta larghezza delle narici viene posta una cicatrice sul lato di ciascuna narice in una piega. I fili vengono rimossi intorno al 5 ° giorno e la cicatrice invisibile.

Infine, nei casi in cui è necessaria la rimozione della cartilagine, potrebbe essere necessario prendere la cartilagine della conchiglia a livello dell’orecchio. Non c’è alcuna deformazione visibile nell’orecchio e la cicatrice è nascosta dietro l’orecchio e quindi molto discreta.

Dopo l’intervento di rinoplastica, quali sono le sequenze operative?

Nella maggior parte dei casi si forma un cerotto dopo l’intervento chirurgico. Sarà rimosso dal nostro chirurgo estetico tra il sesto e il decimo giorno dopo l’intervento a seconda dell’azione eseguita. Uno stoppino viene posto in ogni narice per prevenire il sanguinamento e sarà rimosso la sera o il giorno dopo la rinoplastica. I fili sono riassorbibili tranne nel caso di una cicatrice nella columella (procedura di rinoplastica aperta). I fili saranno quindi rimossi intorno al 5 ° giorno. Viene prescritta una soluzione per il lavaggio della cavità nasale. Le cavità nasali dovrebbero essere risciacquate da 4 a 6 volte al giorno per rimuovere le croste che si formano nelle cicatrici.

Respirare attraverso il naso è difficile durante la prima settimana e respirare attraverso la bocca.

Le contusioni o lividi nelle palpebre e nelle guance sono comuni e scompaiono in 5-15 giorni. Edema (gonfiore) è comune e abbastanza normale.

Il naso è spesso sensibile al freddo, addormentato al tatto e alla pelle di cartone nelle prime settimane.

Lo sport è controindicato per 3 settimane dopo l’intervento (da 2 a 3 mesi per gli sport violenti con rischio di trauma del naso).

Quando vedrò il risultato per la rinoplastica?

Il naso rimane gonfio per 1 mese dopo la rimozione delle bende e il risultato finale è visibile dopo 1 anno (durata di maturazione della cicatrice).

Quali sono le possibili complicazioni per la rinoplastica?

Le complicazioni generali della chirurgia e dell’anestesia sono sempre possibili, sebbene estremamente rare. È necessario citare lividi, sanguinamento anormale, cheratite, infezione, cicatrici patologiche, necrosi cutanea.

In pratica le vere complicanze della rinoplastica riguardano le imperfezioni del risultato. Secondo studi scientifici internazionali che coinvolgono migliaia di rinoplastiche, il tasso di imperfezione del risultato sarebbe dal 5 al 20%. Sono il risultato di un malinteso tra il chirurgo ed il paziente circa gli obiettivi di rinoplastica, guasto tecnico (sopra o sotto la correzione) o fenomeni insoliti o cicatrici reazione inaspettata tessuti (pelle ascensore seno cattivo, retrattili fibrosi). Nella maggior parte dei casi si può prendere in considerazione un ritocco.

Elenco per la procedura di un intervento di rinoplastica

Prima dell’intervento
– 2 consultazioni con i nostri chirurghi estetici condefinizione precisa delle vostre aspettative.
– Valutazione preoperatoria
– 1 consultazione con l’anestesista
– Realizzazione di fotografie mediche, simulazioni del risultato (foto di morphing o computer)

L’intervento di rinoplastica
– Anestesia spinale con sedazione assistita
– Durata della rinoplastica: da 45 minuti a 3 ore a seconda del caso
– inserimento bende nelle narici

Dopo l’intervento di rinoplastica
– Rimozione delle bende tra il sesto giorno e il decimo giorno
– Rimozione dello stoppino il giorno dopo la rinoplastica
– dolori molto lievi per alcuni giorni
– Edema e lividi (blu) fino a 15 giorni
– Difficoltà a respirare attraverso il naso per una settimana
– Lavare i passaggi nasali 4 a 6 volte al giorno per una settimana
– Nessuno sport violento da 2 a 3 mesi
– Risultato finale dopo un anno

Offerta pacchetto CHIRURGIA & VACANZA

Intervento di Blefaroplastica

Il tuo intervento di chirurgia estetica o plastica durante una Vacanza in Puglia con i migliori medici Italiani

La nostra clinica di TRANI ti offre un pacchetto “Vacanza & Benessere” per il tuo intervento estetico o chirurgico.
Intervento con i migliori chirurghi d’Italia abbinato ad un soggiorno nei miglior hotel di Trani in Puglia per goderti una vacanza rilassante con la certezza dei risultati e la massima qualità.
Richiedici maggiori informazioni per la tua vacanza benessere ai prezzi più competitivi!

Richiedici una consuelenza gratuita per il tuo intervento di Rinoplastica

I nostri tutor esperti nel settore sono a tua disposizione per una prima CONSULENZA GRATUITA telefonica. Il primo obiettivo è conoscerti e farci conoscere.
Compila il form qui a fianco o contattaci senza impegno.

Blefaroplastica consulenza